Giuria Internazionale – edizione 2015 -Sezione Opera

DOMINIQUE MEYER

Presidente di Giuria

Dominique Meyer è stato nominato Direttore del Vienna State Opera nel 2007 ed ha iniziato il suo mandato a settembre 2010.
Originario della regione francese dell’Alsazia, Meyer ha lavorato per l’Ufficio del Ministro Francese della Cultura e della Comunicazione e per quello del Primo Ministro Francese per diversi anni.
Tra i numerosi incarichi ricoperti, spicca quello di direttore generale dell’Opéra de Paris (Palais Garnier e l’Opéra Bastille, inaugurato di recente), del Lausanne Opera e del Théâtre des Champs-Elysées a Parigi.
Il contratto del M° Meyer a Vienna è stato prolungato fino all’estate del 2020.

 
 
 

 

EVAMARIA WIESER

Nata a Vienna, Evamaria Wieser ha studiato pianoforte, canto e lingue.
Dopo alcuni anni trascorsi alla Holender Agency di Vienna, dal 1980 al 1988, ha lavorato alla direzione artistica del Bavarian State Opera di Monaco.
Nell’autunno del 1989, è stata nominata responsabile artistico del Festival di Salisburgo sotto la direzione di Gerard Mortier, incarico che ha ricoperto fino al 2001.
Dal 2002-2004, Wieser ha lavorato con Gerard Mortier alla neonata Ruhr Triennale (Germania) occupandosi nel contempo della preparazione dei programmi stagionali dell’Opera di Parigi.
Dal 2003, dirige la produzione della sezione Opera del Festival Pasquale di Salisburgo sotto la direzione di Sir Simon Rattle e Christian Thielemann.
Da ottobre 2004 al 2011, la signora Wieser è ritornata al Festival di Salisburgo in qualità di responsabile della gestione artistica sotto la direzione di Peter Ruzicka, Jürgen Flimm e Markus Hinterhäuser.
Dal 2008, è consulente per il casting in Europa del Lyric Opera Chicago.
È stata consulente artistico dell’Opera di Roma dal 2011 al 2013.
Wieser sarà di nuovo al Festival di Salisburgo nel 2015 e nel 2016 per lo Young Singers Project (YSP) e nel 2017 come responsabile della gestione artistica assieme al direttore artistico Markus Hinterhäuser.

JORMA SILVASTI

Jorma Silvasti è attualmente il tenore finlandese più conosciuto in ambito internazionale.
La svolta avviene nel 1982 quando vince il Concorso di Canto Timo Mustakallio.
È stato solista della Krefeld-Mönchengladbach Opera e della Baden State Opera, mentre dal 1991 al 2014, ha collaborato con la Finnish National Opera.
Ha cantato in ruoli da protagonista in opere del repertorio classico-romantico, del XIX secolo e finlandese contemporaneo.
Silvasti ha partecipato come ospite, esibendosi in ruoli principali, in alcuni dei teatri più importanti del mondo quali il Metropolitan di New York, lo Staastoper di Vienna, il Covent Garden di Londra, lo Staatsoper di Berlino, il Deutsche Oper, lo Staatsoper di Amburgo e il Festival di Bayreuth.
Ha inoltre eseguito le registrazioni di numerose opere complete tra le quali Jenufa
di Janáček ha vinto un Grammy Award nel 2004.
Silvasti partecipa regolarmente come ospite all’Opera Festival di Savonlinna di cui nel settembre 2013 è diventato direttore artistico.
Oltre al Concorso Mustakallio, Silvasti è stato presidente di giuria del Concorso Mirjam Helin nel 2009 e nel 2014.

GUIDO BARBIERI

Guido Barbieri, critico musicale del quotidiano La Repubblica, insegna Storia ed estetica della Musica presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. Per trent’anni conduttore e consulente di Radio 3 collabora attualmente al ciclo “Lezioni di musica”.
Nel 2006 ha fondato la rassegna “Contemporanea” dell’Auditorium Parco della Musica di Roma e lo scorso anno l’Associazione “She Lives” per la diffusione della cultura musicale contemporanea.
E’ stato direttore artistico della Società dei Concerti “B.Barattelli” di L’Aquila e consulente artistico del Teatro Petruzzelli di Bari.
Attualmente è direttore artistico del Teatro della Muse e della Società dei Concerti “Guido Michelli” di Ancona.
E’ autore di testi musicologici e di testi drammaturgici, ultimo in ordine di tempo il libretto dell’opera “Il viaggio di Roberto”, su musiche di Paolo Marzocchi, andata in scena lo scorso anno a Ravenna, Modena e Piacenza.
Nel 2006 gli è stato assegnato il “Premio Feronia” per la critica musicale.

 

MATTEO BELTRAMI

Diplomato in violino al Conservatorio “N. Paganini”di Genova e in Direzione d’Orchestra al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, debutta a vent’anni come direttore a Genova eseguendo Il Trovatore di G. Verdi.
In diciassette anni di carriera debutta oltre trenta titoli operistici spaziando dal barocco a prime assolute di opere contemporanee dirigendo nella maggior parte dei teatri italiani (San Carlo di Napoli, Massimo di Palermo, Bellini di Catania,
Carlo Felice di Genova, Filarmonico di Verona, La Fenice di Venezia, Verdi di Trieste, Coccia di Novara, Sociale di Como, Fraschini di Pavia, Grande di Brescia,
Ponchielli di Cremona, Comunale di Treviso, Sociale di Rovigo, Verdi di Pisa,
Giglio di Lucca, Goldoni di Livorno, Alighieri di Ravenna, Festival Verdi di Parma,
Politeama Greco di Lecce, Della Fortuna di Fano, Pergolesi di Jesi,
De Carolis di Sassari, Dal Verme di Milano, Comunale di Vicenza,
Festival Puccini di Torre del Lago, Stabile di Potenza, Civico di Vercelli).
Non sono mancati prestigiosi impegni all’estero (Staatstheater di Stuttgart, Semperoper di Dresden, Aalto-Theater di Essen, Staatsheater di Darmstadt, Staatstheater di Lübeck, Teatro dell’Opera di Montpellier,
Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, Festival Spoleto/Charleston (U.S.A), Nordwestdeutsche Philharmonie, Orchestra Filarmonica Nazionale Lettone, Orchestra Statale dell’Hermitage, Orchestra Sinfonica di Goyania,
Teatro Arriaga di Bilbao).
Docente dal 2007 al 2013 presso il Conservatorio “G. da Venosa” di Potenza, è abitualmente invitato come membro della giuria in concorsi lirici internazionali.